Wishlist

Non hai prodotti nella lista dei desideri
Per aggiungerli, vai in una scheda o anteprima prodotto e clicca su: Aggiungi alla lista dei desideri
converti questa lista in carrello
Carrello
il tuo carrello

Il tuo carrello è al momento vuoto
Continua i tuoi acquisti e scegli tra
consegna a domicilio o in negozio
Carrello
il tuo carrello

Il tuo carrello è al momento vuoto
Continua i tuoi acquisti e scegli tra
consegna a domicilio o in negozio
Menu Chiudi
  • Naviga per marca





Condizionatore non raffredda o non riscalda: cause e consigli utili

Quali sono le cause di un malfunzionamento del condizionatore e come prevenire possibili guasti? Scoprilo nella guida all’utilizzo di Unieuro

Che si tratti di rinfrescare o riscaldare l’ambiente di casa, avere un climatizzatore ha senza dubbio i suoi vantaggi, soprattutto quando si tratta di un condizionatore ad aria fredda e calda. Si tratta di una comodità davvero innegabile, così com’è innegabile anche il fastidio che si prova di fronte a un guasto al condizionatore, proprio nel momento in cui ne avremmo bisogno.

Sta iniziando l’estate, è arrivato il caldo e senti che tutto quello che vorresti è poterti rilassare godendoti un po’ di aria fresca. Sai che è meglio non tenere le finestre aperte per tutta la giornata per non far entrare le fastidiosissime zanzare, quindi preferisci optare per l’accensione del tuo condizionatore, ma…non raffredda! 

Oppure ancora, sta arrivando l’inverno, il freddo si fa sentire e vorresti solo accendere il tuo condizionatore per creare un ambiente più caldo e confortevole, ma...non riscalda!

Niente paura, in questa guida trovi tutti i consigli utili per affrontare le spiacevoli situazioni in cui il condizionatore non raffredda o, viceversa, il condizionatore non riscalda, in modo da risolvere il problema il prima possibile e mantenere la tua casa alla temperatura che preferisci.

I guasti più comuni del condizionatore

Nella grande maggioranza dei casi, se un condizionatore non riscalda, o riscalda poco oppure al contrario non emette più aria fresca, il problema dell’elettrodomestico potrebbe essere legato a una mancata manutenzione ordinaria. Per questo è importante effettuare una pulizia dei filtri rispettando le tempistiche e le modalità indicate dalla casa produttrice del tuo condizionatore.

Fra i guasti più comuni possiamo trovare:

  • Il condizionatore non raffredda
  • Il condizionatore non riscalda
  • Il condizionatore perde acqua
  • Il condizionatore perde gas
  • Il condizionatore fa rumore
  • Il condizionatore tarda a far uscire l’aria calda o fredda

Qui trovi alcuni componenti dell’elettrodomestico che se non sottoposti ad una corretta manutenzione potrebbero causare questi malfunzionamenti:

  • se il condizionatore perde acqua il problema potrebbe dipendere dal tubo di scarico intasato, nel qual caso basterebbe staccare e pulire il tubo, oppure potrebbe non esserci più gas nel circuito refrigerante, nel qual caso dovresti verificare la quantità di gas e valutare l’eventuale necessità di rifornire il liquido refrigerante;
  • se il condizionatore risulta più rumoroso del solito e surriscaldato, il problema potrebbe derivare dall’accumulo di polvere nei filtri, oppure da un malfunzionamento della ventola, o ancora dall’usura della turbina, che in tal caso andrà sostituita.

Una mancata pulizia o manutenzione dei componenti del tuo condizionatore, in particolare filtri, unità interna e unità esterna, può pertanto essere responsabile del guasto. Nel caso in cui si trattasse invece di usura dei componenti, dovrai sostituire l’eventuale elemento danneggiato, se necessario con l’assistenza di un tecnico specializzato.

Condizionatore Non Raffredda o Non Riscalda: Guasti al Condizionatore | Unieuro
Condizionatore Non Raffredda: le Cause | Unieuro

Se il condizionatore non raffredda, da cosa dipende? Ecco cosa controllare

Quando il condizionatore non raffredda oppure non riscalda, le cause possono essere legate a una mancata manutenzione e pulizia dell’elettrodomestico oppure a un guasto dei suoi componenti.

Nel caso in cui il condizionatore raffreddi poco oppure l’aria emessa non sia abbastanza fresca, il problema potrebbe dipendere da un rallentamento della ventilazione oppure dall’esaurimento del gas. Quest’ultima è una delle cause più comuni e richiede necessariamente la ricarica di gas da parte di un tecnico. È importante, però, verificare anche la presenza di possibili perdite di gas dai tubi del condizionatore, che può essere dovuta a errori nell’installazione o a usura, crepe e urti.

Talvolta, invece, la causa di un condizionatore che non raffredda potrebbe essere correlata a un malfunzionamento della ventilazione: all’interno dello split è presente una ventola che, se non fosse al massimo delle sue prestazioni, potrebbe non emettere abbastanza aria fredda da rinfrescare sufficientemente l’ambiente. Il problema può essere legato a un guasto della stessa ventola, oppure alla condizione dei filtri dell’aria: qualora quest’ultimi fossero sporchi e ostruiti, il passaggio dell’aria potrebbe essere bloccato dagli accumuli di polvere. Allo stesso modo, anche la ventola potrebbe essere intasata e sporca e questo potrebbe impedirle di girare correttamente e muovere l’aria.

Quando il condizionatore non raffredda bene, fra le altre possibili cause da annoverare possiamo citare l’eventuale accumulo di sporcizia nell’unità esterna, che dovrebbe smaltire l’aria calda presente nell’ambiente domestico per raffreddarlo (e questo discorso, invertendo lo scambio di aria calda e fredda, vale anche nel caso di un condizionatore che non riscalda). Se dovessero accumularsi polvere, foglie e detriti nell’unità esterna, come accade nel caso in cui l’unità sia collocata all’esterno dell’abitazione, potrebbe intasarsi e non raffreddare più.

Il condizionatore non riscalda: quali sono le cause?

Se il tuo condizionatore non riscalda (ma anche nel caso in cui non rinfreschi l'aria), ci sono alcune semplici operazioni da compiere per accertarti della causa del malfunzionamento, come:

  • verificare lo stato delle batterie del telecomando (sì, sembra una cosa banale ma potrebbe essere semplicemente questione di batterie scariche);
  • verificare lo stato di alimentazione della corrente
  • provare ad aumentare la velocità della ventola;
  • controllare che non ci sia stato un eventuale calo di tensione che potrebbe aver compromesso l’elettrodomestico. 

Se il condizionatore tarda a riscaldare l’ambiente appena acceso, ciò potrebbe semplicemente dipendere dal tempo necessario alla ventola del motore per attivarsi: potrebbero volerci 4-5 minuti prima che l’aria inizi a scaldarsi. Prima di concludere che si tratta di un guasto quindi, aspetta qualche minuto dall’accensione: potrebbe non esserci bisogno di alcun intervento!

Se invece il condizionatore riscalda poco o male potrebbe non avere al suo interno una sufficiente quantità di gas: controllare il livello del gas o verificare la presenza di una perdita dovuta a una scorretta congiunzione dei tubi può essere utile per rimediare temporaneamente al danno e richiedere l’intervento mirato di un tecnico.

Quando poi il condizionatore non riscalda è opportuno anche controllare il funzionamento del condensatore, soprattutto se l’elettrodomestico emette strani e forti rumori a intermittenza.

Condizionatore Non Riscalda: le Cause | Unieuro
Manutenzione e Pulizia del Condizionatore | Unieuro

Consigli per la manutenzione del condizionatore

Come ormai avrai capito, il corretto funzionamento del tuo condizionatore dipende in gran parte dalla manutenzione e dalla cura dello stesso: nel tempo potrebbero infatti verificarsi non solo guasti da usura, ma anche guasti per una mancata pulizia.

Qualunque sia la tipologia del tuo condizionatore, sia nel caso di condizionatori fissi sia di condizionatori portatili, pulizia e manutenzione sono importanti per prevenire guasti indesiderati che possono diminuire l’aspettativa di vita dell’elettrodomestico, ma i benefici non riguardano solo l’efficienza: avere un condizionatore pulito e adeguatamente sanificato contribuirà a mantenere un ambiente salubre e a ottimizzare anche i consumi energetici.

È quindi importante mettere mano al condizionatore sia all’inizio sia al termine di un periodo di intensa attività dell’elettrodomestico, ad esempio prima dell’inizio o dopo la fine dell’estate o quando sta per iniziare o si conclude il periodo invernale.

Per una corretta manutenzione assicurati in primo luogo che il condizionatore non sia collegato all’alimentazione elettrica, dopodiché è buona norma:

  • pulire lunità interna: solleva il coperchio del condizionatore ed elimina polvere e sporcizia, aiutandoti con l’aspirapolvere o con un panno in microfibra e un prodotto antibatterico apposito. Pulisci bene le bocchette di emissione e le canalizzazioni e, una volta terminate queste operazioni, asciuga tutto con cura e riaccendi il tuo climatizzatore per verificare che funzioni nel modo corretto;
  • pulire lunità esterna: utilizza un’aspirapolvere con un piccolo becco per pulire la sporcizia esterna del condizionatore e concludi la pulizia con un panno in microfibra. Fai attenzione al motore e ai cavi elettrici e controlla che le ali della griglia non siano piegate.
  • pulire i filtri: la maggior parte delle volte i filtri ostruiti sono la causa del malfunzionamento del condizionatore. È quindi importante pulirli regolarmente, aprendo lo split e sganciando la griglia di emissione: a questo punto puoi rimuovere i filtri, spolverarli, lavarli con l’acqua corrente e un panno, eventualmente utilizzando prodotti detergenti appositi. Assicurati che siano ben asciutti prima di rimetterli a posto.
  • controllare il livello del gas refrigerante (con l’aiuto di un tecnico): anche questa è un’operazione da effettuare regolarmente per assicurare il corretto funzionamento del condizionatore. Se nonostante la pulizia dell’elettrodomestico noti che quest’ultimo non riscalda o non raffredda come dovrebbe, allora potrebbe essere necessario contattare un tecnico per controllare il giusto livello di gas o assicurarti che non ci siano eventuali perdite. Generalmente si procede con la ricarica di un condizionatore ogni due o tre anni: se effettui questa operazione con più frequenza, potrebbe esserci qualche altro problema, come ad esempio una perdita o una scorretta congiunzione dei tubi.

Come Pulire e Come Decalcificare la Macchina del Caffè DeLonghi | Unieuro

Torna in alto

Condizionatore non raffredda o non riscalda: cause e consigli utili

Quali sono le cause di un malfunzionamento del condizionatore e come prevenire possibili guasti?

Che si tratti di rinfrescare o riscaldare l’ambiente di casa, avere un climatizzatore ha senza dubbio i suoi vantaggi, soprattutto quando si tratta di un condizionatore ad aria fredda e calda. Si tratta di una comodità davvero innegabile, così com’è innegabile anche il fastidio che si prova di fronte a un guasto al condizionatore, proprio nel momento in cui ne avremmo bisogno.

Sta iniziando l’estate, è arrivato il caldo e senti che tutto quello che vorresti è poterti rilassare godendoti un po’ di aria fresca. Sai che è meglio non tenere le finestre aperte per tutta la giornata per non far entrare le fastidiosissime zanzare, quindi preferisci optare per l’accensione del tuo condizionatore, ma…non raffredda!

Oppure ancora, sta arrivando l’inverno, il freddo si fa sentire e vorresti solo accendere il tuo condizionatore per creare un ambiente più caldo e confortevole, ma...non riscalda!

Niente paura, in questa guida trovi tutti i consigli utili per affrontare le spiacevoli situazioni in cui il condizionatore non raffredda o, viceversa, il condizionatore non riscalda, in modo da risolvere il problema il prima possibile e mantenere la tua casa alla temperatura che preferisci.

I guasti più comuni del condizionatore

Nella grande maggioranza dei casi, se un condizionatore non riscalda, o riscalda poco oppure al contrario non emette più aria fresca, il problema dell’elettrodomestico potrebbe essere legato a una mancata manutenzione ordinaria. Per questo è importante effettuare una pulizia dei filtri rispettando le tempistiche e le modalità indicate dalla casa produttrice del tuo condizionatore.

Fra i guasti più comuni possiamo trovare:

  • Il condizionatore non raffredda
  • Il condizionatore non riscalda
  • Il condizionatore perde acqua
  • Il condizionatore perde gas
  • Il condizionatore fa rumore
  • Il condizionatore tarda a far uscire l’aria calda o fredda

Qui trovi alcuni componenti dell’elettrodomestico che se non sottoposti ad una corretta manutenzione potrebbero causare questi malfunzionamenti:

  • se il condizionatore perde acqua il problema potrebbe dipendere dal tubo di scarico intasato, nel qual caso basterebbe staccare e pulire il tubo, oppure potrebbe non esserci più gas nel circuito refrigerante, nel qual caso dovresti verificare la quantità di gas e valutare l’eventuale necessità di rifornire il liquido refrigerante;
  • se il condizionatore risulta più rumoroso del solito e surriscaldato, il problema potrebbe derivare dall’accumulo di polvere nei filtri, oppure da un malfunzionamento della ventola, o ancora dall’usura della turbina, che in tal caso andrà sostituita.

Una mancata pulizia o manutenzione dei componenti del tuo condizionatore, in particolare filtri, unità interna e unità esterna, può pertanto essere responsabile del guasto. Nel caso in cui si trattasse invece di usura dei componenti, dovrai sostituire l’eventuale elemento danneggiato, se necessario con l’assistenza di un tecnico specializzato.

Condizionatore Non Raffredda o Non Riscalda: Guasti al Condizionatore | Unieuro

Se il condizionatore non raffredda, da cosa dipende? Ecco cosa controllare

Quando il condizionatore non raffredda oppure non riscalda, le cause possono essere legate a una mancata manutenzione e pulizia dell’elettrodomestico oppure a un guasto dei suoi componenti.

Nel caso in cui il condizionatore raffreddi poco oppure l’aria emessa non sia abbastanza fresca, il problema potrebbe dipendere da un rallentamento della ventilazione oppure dall’esaurimento del gas. Quest’ultima è una delle cause più comuni e richiede necessariamente la ricarica di gas da parte di un tecnico. È importante, però, verificare anche la presenza di possibili perdite di gas dai tubi del condizionatore, che può essere dovuta a errori nell’installazione o a usura, crepe e urti.

Talvolta, invece, la causa di un condizionatore che non raffredda potrebbe essere correlata a un malfunzionamento della ventilazione: all’interno dello split è presente una ventola che, se non fosse al massimo delle sue prestazioni, potrebbe non emettere abbastanza aria fredda da rinfrescare sufficientemente l’ambiente. Il problema può essere legato a un guasto della stessa ventola, oppure alla condizione dei filtri dell’aria: qualora quest’ultimi fossero sporchi e ostruiti, il passaggio dell’aria potrebbe essere bloccato dagli accumuli di polvere. Allo stesso modo, anche la ventola potrebbe essere intasata e sporca e questo potrebbe impedirle di girare correttamente e muovere l’aria.

Quando il condizionatore non raffredda bene, fra le altre possibili cause da annoverare possiamo citare l’eventuale accumulo di sporcizia nell’unità esterna, che dovrebbe smaltire l’aria calda presente nell’ambiente domestico per raffreddarlo (e questo discorso, invertendo lo scambio di aria calda e fredda, vale anche nel caso di un condizionatore che non riscalda). Se dovessero accumularsi polvere, foglie e detriti nell’unità esterna, come accade nel caso in cui l’unità sia collocata all’esterno dell’abitazione, potrebbe intasarsi e non raffreddare più.

Condizionatore Non Raffredda: le Cause | Unieuro

Il condizionatore non riscalda: quali sono le cause?

Se il tuo condizionatore non riscalda (ma anche nel caso in cui non rinfreschi l'aria), ci sono alcune semplici operazioni da compiere per accertarti della causa del malfunzionamento, come:

  • verificare lo stato delle batterie del telecomando (sì, sembra una cosa banale ma potrebbe essere semplicemente questione di batterie scariche);
  • verificare lo stato di alimentazione della corrente
  • provare ad aumentare la velocità della ventola;
  • controllare che non ci sia stato un eventuale calo di tensione che potrebbe aver compromesso l’elettrodomestico. 

Se il condizionatore tarda a riscaldare l’ambiente appena acceso, ciò potrebbe semplicemente dipendere dal tempo necessario alla ventola del motore per attivarsi: potrebbero volerci 4-5 minuti prima che l’aria inizi a scaldarsi. Prima di concludere che si tratta di un guasto quindi, aspetta qualche minuto dall’accensione: potrebbe non esserci bisogno di alcun intervento!

Se invece il condizionatore riscalda poco o male potrebbe non avere al suo interno una sufficiente quantità di gas: controllare il livello del gas o verificare la presenza di una perdita dovuta a una scorretta congiunzione dei tubi può essere utile per rimediare temporaneamente al danno e richiedere l’intervento mirato di un tecnico.

Quando poi il condizionatore non riscalda è opportuno anche controllare il funzionamento del condensatore, soprattutto se l’elettrodomestico emette strani e forti rumori a intermittenza.

Condizionatore Non Riscalda: le Cause?

Consigli per la manutenzione del condizionatore

Come ormai avrai capito, il corretto funzionamento del tuo condizionatore dipende in gran parte dalla manutenzione e dalla cura dello stesso: nel tempo potrebbero infatti verificarsi non solo guasti da usura, ma anche guasti per una mancata pulizia.

Qualunque sia la tipologia del tuo condizionatore, sia nel caso di condizionatori fissi sia di condizionatori portatili, pulizia e manutenzione sono importanti per prevenire guasti indesiderati che possono diminuire l’aspettativa di vita dell’elettrodomestico, ma i benefici non riguardano solo l’efficienza: avere un condizionatore pulito e adeguatamente sanificato contribuirà a mantenere un ambiente salubre e a ottimizzare anche i consumi energetici.

È quindi importante mettere mano al condizionatore sia all’inizio sia al termine di un periodo di intensa attività dell’elettrodomestico, ad esempio prima dell’inizio o dopo la fine dell’estate o quando sta per iniziare o si conclude il periodo invernale.

Per una corretta manutenzione assicurati in primo luogo che il condizionatore non sia collegato all’alimentazione elettrica, dopodiché è buona norma:

  • pulire lunità interna: solleva il coperchio del condizionatore ed elimina polvere e sporcizia, aiutandoti con l’aspirapolvere o con un panno in microfibra e un prodotto antibatterico apposito. Pulisci bene le bocchette di emissione e le canalizzazioni e, una volta terminate queste operazioni, asciuga tutto con cura e riaccendi il tuo climatizzatore per verificare che funzioni nel modo corretto;
  • pulire lunità esterna: utilizza un’aspirapolvere con un piccolo becco per pulire la sporcizia esterna del condizionatore e concludi la pulizia con un panno in microfibra. Fai attenzione al motore e ai cavi elettrici e controlla che le ali della griglia non siano piegate.
  • pulire i filtri: la maggior parte delle volte i filtri ostruiti sono la causa del malfunzionamento del condizionatore. È quindi importante pulirli regolarmente, aprendo lo split e sganciando la griglia di emissione: a questo punto puoi rimuovere i filtri, spolverarli, lavarli con l’acqua corrente e un panno, eventualmente utilizzando prodotti detergenti appositi. Assicurati che siano ben asciutti prima di rimetterli a posto.
  • controllare il livello del gas refrigerante (con l’aiuto di un tecnico): anche questa è un’operazione da effettuare regolarmente per assicurare il corretto funzionamento del condizionatore. Se nonostante la pulizia dell’elettrodomestico noti che quest’ultimo non riscalda o non raffredda come dovrebbe, allora potrebbe essere necessario contattare un tecnico per controllare il giusto livello di gas o assicurarti che non ci siano eventuali perdite. Generalmente si procede con la ricarica di un condizionatore ogni due o tre anni: se effettui questa operazione con più frequenza, potrebbe esserci qualche altro problema, come ad esempio una perdita o una scorretta congiunzione dei tubi.

Manutenzione e Pulizia del Condizionatore | Unieuro
Torna in alto

Forse potrebbe interessarti anche....

Hai già letto la nostra guida alla perfetta manutenzione della lavatrice? Vuoi sapere come pulire la macchina del caffè? Leggi le nostre guide all'utilizzo per conoscere come fuzionano elettrodomestici, accessori per PC e molto altro. Se invece cerchi dei consigli d’acquisto, sul sito Unieuro trovi tante guide all'acquisto: scegli ciò di cui hai bisogno, dal monopattino elettrico alla stampante 3D al tuo nuovo smartphone. E se cerchi delle idee regalo per le persone che ami, esplora le nostre guide, perfette per scegliere il regalo giusto in ogni occasione!

Regali per la Cucina
Regali per la Cucina | Unieuro
Come pulire la macchina del caffè
Come pulire la macchina del caffè | Unieuro
Quale Stampante 3D Scegliere
Stampante 3D Quale Scegliere| Unieuro
Monopattino Elettrico Adulti: Quale Scegliere
Guida Scelta Monopattino Elettrico Adulti | Unieuro

Assistenza clienti

Scrivici
Ordina per: Rilevanza
  • Rilevanza
  • Prezzo crescente
  • Prezzo decrescente
Filtra per: Attivi
cancella tutti i filtri
Elimina tutti i filtri
Vedi i risultati
Mostra di più
elimina tutti i filtri
Torna su
elimina tutti i filtri
Confronta
È possibile confrontare al massimo 4 prodotti per volta.
Notifica disponibilità Inserisci il tuo indirizzo mail per essere avvisato non appena il prodotto tornerà disponibile

X

Associa la tua Unieuro Card!

Inserisci qui sotto il numero della tua tessera e premi il tasto Associa

X

Premi il tasto Dissocia per dissociare la carta

Premi il tasto Dissocia per dissociare la carta

Effettua il login per aggiungere alla Wishlist
Effettua il login per aggiungere alla Wishlist
Acquista Notifica disponibilitá Ordina In abbinata In abbinata